Stai usando correttamente i tuoi acidi facciali?

Probabilmente no! La maggior parte di noi sta spiegando come usiamo gli acidi sui nostri volti e sperando per il meglio. A causa del fatto che gli acidi di alta qualità sono così facilmente disponibili per noi, li acquistiamo senza fare veramente la nostra ricerca.

Il nuovo must-have ha ingredienti che rendono la pelle più liscia, luminosa, rimuovono i pori e così via.

La cura della pelle è facile per certi aspetti e complicata per altri. Puoi avere un’ipotesi plausibile di ciò di cui la tua pelle potrebbe aver bisogno, ma quando si tratta di peeling chimici e acidi, a volte è meglio rivolgersi a un esperto come Centro Salute e Benessere di Skintologia.

Prendendo alcuni degli acidi più comuni attualmente in commercio, ecco cosa sono e cosa fanno.

Acido ialuronico

Quasi tutti hanno un prodotto con acido ialuronico. È ampiamente noto come semplicemente eccezionale. Contiene un’enorme quantità di umidità.

Fatto divertente: nella forma più efficace, che è il sodio ialuronato, buca 1.000 volte il suo peso in acqua. Rafforza la tua pelle per aiutarla a trattenere tutta l’umidità che ti dà.

Puoi combinare questo con AHA/BHA. Idrata e riduce le irritazioni. AHA e BHA sono forti, ma lo ialuronico riempie la pelle.

Lo ialuronico si combina bene con il retinolo. Il retinolo non è negoziabile ma può essere disastroso se mescolato con gli acidi sbagliati. Prima il retinolo, lascialo assorbire, poi ricarica con acido ialuronico.

Acido lattico

L’acido lattico è un AHA e giocherà bene con l’acido ialuronico. Gli acidi lattici agiscono a livello superficiale, piuttosto che attraverso gli strati della pelle. Può levigare e illuminare ma non è così duro come alcuni altri AHA.

Può aiutare anche la pelle a trattenere più umidità. Può essere utilizzato con acido ialuronico.

Acido salicilico

Molto popolare per coloro che hanno sblocchi, imperfezioni o acne. È uno dei BHA più comuni. A differenza degli AHA, i BHA vanno un po’ più in profondità e offrono un’esfoliazione più profonda. L’acido salicilico esfolia nei poveri, motivo per cui è così efficace nell’aiutare a ridurre la consistenza, la congestione e l’acne.

L’acido salicilico è perfetto per coloro che lottano con i punti neri.

Come si usano gli acidi facciali?

Probabilmente hai una serie di piccoli flaconi contagocce che ti guardano con desiderio, incluso quello rosso di The Original che tutti adorano. Ma se li applichi sporadicamente, sopra creme dense, o solo un po’ in modo sbagliato, non otterrai il pieno impatto.

Usali regolarmente, applicali seguendo le indicazioni sul flacone (di solito una o due gocce) e picchietta su tutto il viso.

Molti acidi sono molto più liquidi di quanto si pensi e lo applicano prima sulla fronte. Il problema è che se perdi il controllo dell’acido, in primo luogo, finirà nei tuoi occhi. Un altro problema è la stratificazione errata degli acidi.

Cose come l’acido glicolico e l’acido salicilico avranno un effetto più sostanziale se stratificati e possono danneggiare la pelle. Poiché molte persone non sono sicure del punto di svolta per gli acidi, soffrono l’irritazione e le sensazioni di bruciore senza aiuto.

La neutralizzazione dell’acido glicolico ne “disattiva” l’effetto. Un neutralizzatore comunemente usato per fermare l’acido e confortare la pelle è il bicarbonato di sodio. L’acido salicilico non ha bisogno di neutralizzare; come molti altri acidi, è autoneutralizzante.

Quando usi l’acido glicolico, devi bere abbastanza acqua per mantenere la pelle idratata e l’SPF è essenziale (lo è comunque, ma lo è ancora di più dopo gli acidi).

Ricetta per la neutralizzazione del peeling chimico:

Mescolare 2 cucchiai di bicarbonato di sodio con 1 1/2 tazze d’acqua, mettere la soluzione su un panno o un batuffolo di cotone e strofinare delicatamente sul viso. Questo potrebbe pungere, però! Se hai fatto un trattamento viso in una spa o in un salone, potrebbero darti una soluzione neutralizzante.

Come lo saprò e l’acido è sicuro per me?

Per assicurarti che un acido facciale sia sicuro da usare, dovrai eseguire un patch test. Il primo passo è applicare l’acido sul dorso della mano e attendere 24 ore. Se non ci sono reazioni, puoi applicare una piccola quantità di acido sul viso.

L’acido lattico è una delle opzioni più popolari perché è così delicato sulla pelle. Se vuoi testare acidi più delicati, scegli toner o detergenti per il viso con livelli bassi.

Leggi gli ingredienti, capisci cosa vuoi dai tuoi acidi facciali e, in caso di dubbio, parla con un professionista.

Must Read

Related Articles